Ally Consulting amplia strategie e partnership per il manifatturiero

A un anno dalla nascita la società ha superato numerose sfide, confermate dal fatturato in crescita, nel settore della consulenza IT per le PMI del manifatturiero

 

 A un anno dalla nascita, Ally Consulting, realtà molto attiva nella consulenza IT che affianca le imprese del manifatturiero, ha fatto il punto sull’andamento del business.

In un periodo di soli 12 mesi, ha evidenziato, ha raggiunto buoni risultati, accrescendo il parco clienti e consolidando il rapporto con Infor fino a diventare il partner di riferimento in Italia per la soluzione CloudSuite Industrial.

In un settore come quello IT, Ally si è proposta di distinguersi per il suo approccio consulenziale, per le sue soluzioni innovative ma soprattutto per valori fondanti quali flessibilità, innovazione e concretezza.

La crescita di Ally è testimoniata peraltro non solo dai numeri ma anche e soprattutto nelle competenze.

L’azienda prevede di chiudere il 2020 con un fatturato di 3 milioni di euro, con una straordinaria crescita rispetto all’anno precedente (il cui fatturato di 1 milione di euro era stato realizzato in soli cinque mesi di esercizio), superando le aspettative in un periodo comunque segnato da una crisi economica senza precedenti.

Il parco clienti è alla data composto da più di cento aziende in Italia e all’estero con diversi progetti di innovazione per le PMI e con la gestione di oltre 2.000 utenti Infor.

In questi 12 mesi, ha osservato Ally Consulting, ha visto un’evoluzione del proprio ruolo, estendendo la propria funzione di fornitore di soluzioni digitali specializzate per il settore manifatturiero – di cui il sistema ERP è il cuore pulsante – fino a diventare un consulente per le imprese, lavorando per ampliare la propria offerta di servizi complementari al sistema ERP, attraverso nuove partnership strategiche con aziende specializzate.

L’obiettivo dichiarato è quello di consolidare sempre più la propria presenza sul mercato e di garantire alle piccole e medie imprese del manifatturiero un affiancamento a 360° in tutti i processi del complesso percorso di digitalizzazione.

Il Partner Network di Ally, oltre a Infor, storico Strategic Partner, vede a oggi anche la collaborazione con molte realtà quali: Jps e Twin Group come Consulting Partner e Netsurf, ARXIvar, Overlog, Plannet e FasThink come Solution Partner.

In questi mesi abbiamo siglato partnership strategiche con aziende specializzate, in ambito tecnologico con realtà per la raccolta dei dati, con società che sviluppano e implementano soluzioni complementari come i sistemi MES per l’avanzamento della produzione, o con imprese di formazione e consulenza nel segmento della supply chain. Le alleanze con altre società che promuovono l’innovazione digitale sono un pilastro fondamentale della nostra strategia consulenziale e, come annunciato lo scorso anno, continueremo a fare scouting sul mercato per ampliarle ulteriormente e fornire ai nostri clienti strumenti che consentano di trasformare le tecnologie in leve competitive per vincere le nuove sfide del mercato moderno”, ha commentato Paolo Aversa, Managing Director di Ally Consulting.

Non solo tecnologia

Per rispondere all’espansione del business e alle crescenti richieste del mercato Ally ha investito anche in nuove assunzioni, distribuite tra le due sedi di Milano e Ravenna.

Il team di specialisti è cresciuto del 15% portando a 38 il numero di professionisti presenti in azienda, con la previsione di ulteriori nuovi ingressi nei mesi a venire di Business, Application e Technical consultant.

L’azienda è in forte crescita, a cominciare dalla divisione Sales, guidata dal Sales Manager Ezio Soranzo, di recente nomina, che coordina un team di 6 commerciali. L’obiettivo per il prossimo futuro è quello di creare nuove Business Unit specificamente dedicate alle aree complementari al sistema ERP quali la Business Analytics, l’Asset Management e la Business Collaboration.

“La digitalizzazione è un processo a cui le PMI del manifatturiero discreto non possono più sottrarsi. Tuttavia, gli ostacoli che incontrano oggi le imprese sono molteplici, a partire dalle risorse economiche ridotte, ma con la richiesta, comunque, di strumenti performanti e con alti livelli di copertura funzionale per continuare a fare della flessibilità la loro arma vincente”, ha osservato Aversa.