Il digital workplace nel portfolio BT con Zoom

L’accordo con Zoom permette a BT di offrire un servizio gestito con rete integrata in grado di garantire una user experience ottimale

 

BT ha annunciato l’ampliamento delle proprie proposte di servizi gestiti di collaboration audio e video cloud-based riservate ai suoi clienti multinazionali, con l’inserimento a portfolio di Zoom Meetings. Fa seguito alla firma di un nuovo carrier agreement tra BT e Zoom Video Communications.

Con l’accordo BT, osserva l’azienda, diventa il primo provider globale ad offrire un servizio gestito di Zoom Meetings, caratterizzato dalla scelta di connettività e di integrazione con la propria rete voce globale.

Il servizio comprende anche il monitoraggio dell’esperienza end-to-end e garanzie di maggiore sicurezza.

Le diverse opzioni di connettività includono internet, SIP, PSTN o MPLS. BT offre anche opzioni di sicurezza come la crittografia delle comunicazioni, la protezione degli ID utente dei clienti, la connettività MPLS sicura, privata e resiliente, gateway di rete dedicati e programmi di adozione delle migliori pratiche di sicurezza.

L’accordo consente inoltre a BT di offrire Zoom Rooms, il sistema di sale conferenze modulabile basato su software Zoom.

“Stiamo semplificando le cose per i clienti, aiutandoli a creare ambienti di lavoro digitali sicuri e produttivi per i loro dipendenti, ovunque essi siano. Il nostro nuovo servizio gestito consente alle aziende globali, tipicamente con una complessa infrastruttura di rete e IT, di utilizzare Zoom Meetings in modo semplice, costante e sicuro con esperienze ottimizzate per le loro persone in tutto il mondo”, ha commentato Andrew Small, direttore Global Portfolio di BT.