Il supporto del settore digitale per sfruttare la crisi Covid

La digital transformation è un termine fin troppo abusato, la vera innovazione parte adesso: «Il Covid-19 ci ha sbattuto contro un muro e sta costringendo le aziende a riprogettarsi», afferma Paola Generali, Presidente di Assintel, l’associazione nazionale delle imprese ICT e Digitali di Confcommercio.

Lo shock è stato forte, ma è servito a comprendere le potenzialità del digitale, che ci ha permesso di continuare a lavorare (e non solo) nonostante il lockdown. La prima grande novità è stata lo sdoganamento dello smart working, oggi ci troviamo di fronte ad una nuova sfida: va progettato ed utilizzato con razionalita’, come modalita’ integrativa di lavoro ove necessario e non come presa di posizione assoluta.

 

Se in passato rinnovare significava comprare un dispositivo più potente o al massimo aggiornare un software, oggi sono disponibili soluzioni che apportano elementi completamente nuovi basati su intelligenza artificiale, realtà aumentata e realtà virtuale, evidenzia Generali, che aggiunge: «Le aziende , soprattutto le micro, piccole e medie imprese (MPMI –secondo la definizione a livello europeo), devono imparare a ragionare fuori dagli schemi e noi del settore possiamo e dobbiamo aiutarle, e’ loro compito però riprogettare il loro business, spiegandoci cosa cercano, cosa gli manca sicché, lavorando insieme, potremo capire quale soluzione, che sia un sito, una app o qualcos’altro di più articolato, soddisfi le esigenze del loro business. Il Digitale e’ il fattore abilitante non il fine ultimo da perseguire, il Digitale e’ “a servizio delle aziende”».

Si tratta di un processo virtuoso che porta efficacia e risultati, tali per cui i costi non risultano mai un problema, anzi prevale l’entusiasmo e molti imprenditori sono contenti di sviluppare soluzioni avanzate, mentre in passato prevalevano logiche piuttosto conservative.

Ciò detto, la Presidente di Assintel sottolinea: «È necessario ” democratizzare ” le tecnologie, diffondendole il più possibile così che i costi si riducano arrivando alla portata di tutte le piccole e medie imprese in modo da accelerare la digitalizzazione del Paese».

Le tecnologie, del resto, sono una chiave fondamentale per la ripresa post Covid-19, permettendo di accrescere la produttività e la produzione.

 

Le tecnologie per la ripresa

 

Molto sinteticamente, Paola Generali, elenca alcune delle tecnologie che aiutano le imprese a innovare, prima fra tutte il cloud, che è la base su cui si appoggia qualsiasi piattaforma.

Emergono, poi, tecnologie per la realtà aumentata e la realtà virtuale, che in ambiti come  il commercio/retail e il turismo – fra i più colpiti dal lockdown – esaltano la cosiddetta customer experience, chiave di volta per una nuova modalita’ di marketing e di vendita.

La VR ( Virtual Reality) permette, per esempio, di “provare” un vestito come se fossimo in un camerino. In passato questo era ed è possibile attraverso uno schermo grande, “formato specchio” in negozio, con una serie di vantaggi, a breve sarà possibile farlo da remoto con una smart TV o da qualsiasi altro dispositivo provandoli sul nostro Avatar che sara’ identico a noi. Si tratta di una tecnologia complessa, perché occorre calcolare tutti i parametri biometrici quali peso, massa, incarnato e così via, affinché il capo di abbigliamento risulti indossato come dal vivo, affinché l’acquirente sia soddisfatto quando lo riceverà e il tasso di resi sia il più basso possibile per il retailer.

La cybersecurity è un altro settore del digitale particolarmente strategico, poiché la sicurezza è la base per essere online e sfruttare le capacità di cui abbiamo parlato finora in sicurezza.

IoT e Blockchain sono ulteriori ambiti d’innovazione, per esempio sul fronte turistico o nell’agroalimentare, su cui puntare per accelerare la ripresa.

Una delle attività che sta portando avanti Assintel è quella di comprendere quali siano le esigenze delle MPMI sul fronte digitale, proprio perché ci troviamo in una fase di transizione, aggravata dalla pandemia. Facendo parte di Confcommercio, Assintel è in una posizione privilegiata, che consente di raccogliere le suddette esigenze d’innovazione.

 

Il gap di competenze digitali: serve investire nella scuola

 

D’altro canto Assintel, evidenzia la Presidente Generali, rileva una notevole annosa richiesta di competenze informatiche e digitali  che e’ profondamente carente: «Basti pensare che al dipartimento di informatica dell’Università Statale di Milano si iscrivono in mille studenti all’anno e ne escono trecento, quando, per soddisfare le esigenze del solo mercato milanese ne servirebbero tremila!»

A questo si aggiunge che molti studenti in ambito informatico si fermano ai primi tre anni di studio senza conseguire la laurea magistrale, perché trovano subito lavoro. Il risultato, però è che il livello complessivo di competenze è piu’ basso di quello che si acquisisce con la laurea Magistrale. Tanto che alcune aziende, per esempio, assumono ragazzi che hanno terminato la Laurea triennale in Ingegneria informatica e contemporaneamente gli pagano la retta dei due anni del Corso per Ottenere la Laurea Magistrale, pur di non lasciarsi scappare talenti. A questo si aggiungono genitori ancorati a vecchie logiche che spingono i ragazzi verso carriere d’altri tempi.

«Questa situazione andrebbe affrontata, sin dalla quarta classe della scuola primaria, allorquando i bambini sono pienamente in grado di comprendere come si possa interagire con la tecnologia e quindi possano cominciare ad apprezzarla ed essere stimolati sulle modalita’ di applicazione nei diversi contesti lavorativi. In quest’ottica, il nostro appello alle istituzioni è che il sistema scolastico sia completamente riprogettato adattandosi agli scenari digitali in chiave Digitale».

 

L’appello alle Istituzioni: sostenere meglio le MPMI nei percorsi di digitalizzazione

 

In questo contesto, le aziende vanno supportate per motivarle alla trasformazione digitale: ancora troppe realtà ne restano ai margini, anche se il lockdown è stato come una scossa che ha cominciato a mostrare come il cambiamento sia la chiave per continuare ad esistere e competere.

L’annosa questione riguarda anche i bandi, che devono interessare sia le aziende della domanda sia dell’offerta Digitale: sono troppo spesso molto generici e andrebbero riscritti, perché le aziende devono poter focalizzare le proprie esigenze e trovare facilmente diretti riscontri nei bandi stessi.

Tale bisogno è stato portato avanti prima del Covid da parte di Assintel e tutt’ora e’ tra le priorita’ dell’associazione. L’obiettivo è di far “provare e vedere” alle MPMI le nuove tecnologie per consentire loro di partecipare ai bandi con cognizione di causa, affinché siano realmente di aiuto.

Paola Generali afferma anche: «Occorre far tesoro dell’esperienza ricavata dal Coronavirus, non per tornare allo status quo, ma per rilanciare le imprese. E’ lo spunto per riprogettare il loro business attraverso il digitale: utilizzando le tecnologie sia per vendere i loro prodotti sia per aggiungervi nuovi servizi, che spesso sono apprezzati tanto quanto il prodotto. Certamente tale riprogettazione del business non è semplice, ci sarà bisogno di supporto da parte di aziende ed esperti di fiducia, che proprio l’ecosistema associativo può garantire attraverso l’incontro fra domanda e offerta.

«Si tratta di un’occasione irripetibile –conclude la Presidente – la crisi ci offre l’opportunità di migliorarci e Assintel è un punto di riferimento per il settore a supporto totale di ogni azienda.