Nasce a Genova il centro per l’innovazione digitale

 L’annuncio è l’ evoluzione della collaborazione tra Cisco, Regione Liguria e Comune di Genova sancita due anni fa che ha già originato progetti di innovazione

 

Nel corso di una conferenza stampa è stato presentato Liguria Innovation Exchange, il centro per l’innovazione digitale che aprirà i battenti il prossimo settembre presso la sede di Liguria Digitale a Erzelli, a Genova.

All’evento hanno presenziato il Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, il Sindaco di Genova, Marco Bucci, il Direttore Generale di Liguria Digitale, Enrico Castanini, l’’Amministratore Delegato di Cisco Italia Agostino Santoni e Enrico Botte, CEO del Gruppo FOS.

Voluto da Regione Liguria per garantire un’ulteriore spinta propulsiva al processo di sviluppo tecnologico di tutto il territorio ligure, il nuovo centro occuperà un intero piano della struttura e sarà gestito operativamente dal Gruppo FOS, partner di Cisco Italia.

A livello operativo, in stretta sinergia con Liguria Digitale e con gli esperti di Cisco, si darà vita ad un laboratorio dell’innovazione, dove nasceranno progetti concreti volti a garantire ad aziende, pubblica amministrazione e cittadini liguri un futuro non solo digitale ma anche inclusivo.

Il centro è ospitato in 2000 metri quadri di uffici, aule e laboratori per formazione; si lavorerà per la creazione di piattaforme per l’e-learning e lo smart working, sistemi di cybersecurity e tecnologie per i trasporti e la logistica.

Le attività verranno svolte in collaborazione con una rete di aziende locali e il centro ospiterà anche laboratori Congiunti Liguria Digitale e Università degli studi di Genova e soluzioni di Cisco Collaboration realizzate da Durante, Partner Cisco certificato.

 

Tre sono i pilastri su cui si baseranno le attività del nuovo centro di innovazione.

 

  • Lo sviluppo di progetti digitali per le aziende e le pubbliche amministrazioni liguri: creazione di soluzioni ad hoc, pensate per le esigenze peculiari del territorio.
  • La creazione di innovazione, grazie al coinvolgimento delle start-up presenti sul territorio ligure, che potranno entrare in contatto con il vasto ecosistema di innovazione Cisco.
  • La formazione sulle nuove competenze digitali: Presso il centro di innovazione nascerà una nuova Cisco Networking Academy . Qui Liguria Digitale, che è una Academy certificata da Cisco, offrirà ai cittadini corsi di formazione su temi quali la cybersecurity, l’Internet delle Cose, l’imprenditoria digitale, l’utilizzo delle reti. Attenzione sarà dedicata alla formazione degli impiegati della PA.

 

Siamo di fronte a un ulteriore, decisivo tassello della strategia che la Liguria ha intrapreso negli ultimi 5 anni – ha commentato Giovanni Toti- “Un’operazione importante voluta fortemente da Regione e Comune che porta a Genova una delle più importanti multinazionali nel settore della tecnologia. Per noi la scelta di Cisco di insediarsi con nuovi laboratori proprio a Erzelli è particolarmente simbolica, proprio perché questo luogo si conferma sempre più come polo tecnologico di eccellenza nazionale e di valenza internazionale, rafforzando il ruolo di Genova quale capitale della high tech del nord-ovest. La presenza di Cisco a Erzelli è strategica poiché fungerà da volano per un ulteriore sviluppo tecnologico e industriale della nostra regione, alimentando un circolo virtuoso da cui ci aspettiamo importanti ricadute occupazionali”.

La collaborazione iniziata due anni orsono con Regione Liguria, Liguria Digitale e Comune di Genova ci ha permesso di creare per i cittadini liguri molte iniziative di innovazione e di inclusione attraverso il digitale e siamo quindi lieti di poter proseguire il cammino intrapreso”, ha aggiunto Agostino Santoni, “La situazione di nuova normalità che si è venuta a creare è qui per restare ed è importante che aziende, istituzioni e cittadini la affrontino insieme. E’ necessario che tutte le parti in causa abbiano una visione comune, puntino sulle competenze delle persone, si considerino parte di una comunità in cui il digitale diventi il motore per costruire un futuro più inclusivo e un business più competitivo. In questo centro lavoreremo proprio per raggiungere questi obiettivi”.