IBM Cloud Managed Services

I Cloud Managed Services di IBM liberano le risorse aziendali indispensabili per favorire l’innovazione e accelerare la crescita del business

 

Se si analizzano i motivi che stanno alla base dell’interesse per il Cloud, quello che si evidenzia è che le organizzazioni vi si rivolgono perché permette di adottare modelli di business innovativi e centrati sull’Opex, e perché abilita una elevata flessibilità aziendale e una maggiore agilità nel modo in cui si conduce il proprio business.

Allo stesso tempo con una soluzione cloud o multi cloud diventa possibile proteggere e movimentare carichi di lavoro critici e disporre di una infrastruttura globale altamente resiliente e affidabile, adatta non solo per garantire la continuità del business aziendale ma anche per erogare servizi al grande pubblico, laddove la valenza sociale diventa preminente.

D’accordo sui benefici che è possibile ottenere, non per questo, osserva IBM, vanno ignorati i numerosi problemi insiti nella migrazione da un IT on-premise al cloud, e ancor più al multi cloud. Soprattutto con il multi cloud, aspetti quali la comunanza o meno di standard, il problema di una gestione integrata o di una movimentazione dei dati trasparente e automatica tra cloud assume una valenza primaria ai fini del successo di un progetto.

Sono complessità che sovente una azienda, anche di grandi dimensioni, ha difficoltà ad affrontare per mancanza di specifiche e trasversali competenze. Ciò rende interessante adottare servizi cloud hosted, servizi che permettono di rispondere rapidamente a esigenze variabili, alla necessità di ridimensionare le risorse fruite, di dotarsi rapidamente di nuove funzionalità in modo coerente con l’infrastruttura e, non ultimo, disporre di una assistenza in grado di risolvere rapidamente problemi o di suggerire come procedere.

In proposito, una analisi IBM condotta su CIO evidenzia come l’82% di essi ritiene che una assistenza adeguata risulta estremamente importante nella migrazione da un IT convenzionale al cloud.

Una concreta risposta alle esigenze citate è stata data da IBM tramite lo sviluppo di un portfolio di servizi cloud, gli IBM Cloud Managed Services, che mette a disposizione delle aziende un’infrastruttura sicura e scalabile ideata per supportare le diverse tipologie di carichi di lavoro e far leva sull’agilità e l’efficienza del cloud.

L’aspetto saliente della proposizione di IBM è che costituisce un’infrastruttura IT completamente gestita conforme alla libreria ITIL in grado di supportare carichi di lavoro mission critical.

Provisioning immediato dei servizi su macchine virtuali

La rapidità nel disporre quando serve di una applicazione adeguatamente configurata è uno degli aspetti indispensabili per far fronte all’attuale economia di mercato o ad eventi critici ed imprevedibili.

Per garantire la rapidità, che può rendersi necessaria per far fronte ad esigenze di business o ad eventi imponderabili, IBM ha costituito team di specialisti che supportano le aziende nel velocizzare il provisioning di una soluzione in modo che sia in grado di far fronte a carichi di lavoro di varia natura, inclusi SAP e SAP HANA.

Utilizzando strumenti di analisi e metodologie brevettate i team di esperti valutano lo stato dell’IT esistente, identificano i carichi di lavoro che possono trarre il maggior beneficio dalla migrazione nel cloud e suggeriscono la strategia di migrazione ottimale per perseguire gli obiettivi prestabiliti.

Soluzioni turn-key e compliant cloud e multicloud

Aspetto chiave del servizio gestito erogato da IBM è che le macchine virtuali su cui i servizi girano vengono fornite configurate e testate in modo da essere da subito pronte per il passaggio in produzione.

In un contesto globalizzato un ulteriore elemento da considerare è la prossimità dei dati agli utilizzatori, e la corrispondenza alle normative locali per quanto concerne il trattamento dei dati, come per l’Europa è previsto dal GDPR.

Per garantirlo, il servizio IBM Cloud Managed Service è erogato tramite data center distribuiti nei sei continenti in modo da permettere di erogare e dimensionare le operation a livello globale velocemente e in aderenza alle normative locali, come nel caso di società con sedi in diverse aree mondiali.

La rete mondiale idi Data Center IBM per i Cloud Managed Services

La rete mondiale idi Data Center IBM per i Cloud Managed Services

Tramite la rete mondiale di data center si ha la possibilità di scegliere come configurare e gestire il proprio ambiente cloud in modo che l’infrastruttura e i servizi di piattaforma corrispondano agli specifici carichi di lavoro, sia per quanto concerne i sistemi operativi che per il middleware a cui è demandata l’esecuzione delle applicazioni critiche.

Una volta attivata la soluzione e definito il livello di servizio necessario per supportare le specifiche esigenze aziendali, gli esperti IBM si assumono il compito di gestire, oltre all’infrastruttura di base, anche sistema operativo, database e applicazioni, e di garantire l’eventuale recovery dei dati critici in base agli obiettivi di tempo concordati.

Per chi necessitasse di una soluzione personalizzata anche a livello hardware, IBM Cloud Managed Services prevede anche un’opzione che permette di realizzare un proprio sito dedicato che può essere localizzato all’interno di un data center IBM o di un Business Partner. La soluzione è rivolta alle aziende che per sede di residenza o settore di appartenenza, come ad esempio il Finance, devono rispondere a stringenti normative.

Sicurezza e business continuity innanzitutto

La sicurezza è sempre stata considerata uno dei punti critici del Cloud e di sovente ha portato le aziende a ritardare la migrazione verso una soluzione per l’IT che offre molti benefici, economici ed operativi.

Il problema è stato affrontato da IBM tramite una infrastruttura gestita che garantisce una protezione h24, il monitoraggio in tempo reale dei dispositivi e dei server critici, la protezione di dati e applicazioni mediante criteri di sicurezza robusti che scansionano i sistemi alla ricerca delle vulnerabilità e proteggono da intrusioni dall’esterno.

Per garantire una elevata protezione l’intera infrastruttura cloud gestita viene regolarmente scansionata alla ricerca di vulnerabilità tramite strumenti standard del settore, e le macchine virtuali sono sempre aggiornate alle ultime patch di sicurezza rilasciate.

Gestione dall’infrastruttura all’applicazione

Molti fornitori di servizi forniscono esclusivamente l’infrastruttura demandando all’azienda cliente o a una terza parte il compito di configurarla e gestirla. La gestione è invece un elemento portante e qualificante della proposizione di IBM.

E’ una gestione che parte dal livello infrastrutturale (server, storage, ecc.) e si estende sino a comprendere il sistema operativo, i middleware e i database più comuni.

A questo si aggiunge l’attivazione e la disattivazione dei servizi, il monitoraggio dell’infrastruttura, la reportistica e la gestione della sicurezza e delle patch.

Gestione semplificata del multicloud con IBM MCMP

Il Multicloud consiste nell’utilizzare i servizi cloud erogati da più provider. Gli ambienti multicloud richiedono però maggiore attenzione nella loro gestione rispetto a quanto richiesto da un cloud privato o ibrido, ad esempio nella movimentazione dei dati da un cloud all’altro.

Quelle che servono sono specifiche soluzioni di gestione che permettano di ottimizzare le prestazioni dell’ambiente costituito dai diversi cloud, controllare i costi ad esempio movimentando automaticamente i dati da quello più costoso a quello più conveniente e proteggere il mix di applicazioni e ambienti aziendali, indipendentemente dal fatto che si trovino all’interno del data center o nel cloud.

Per permettere di realizzare e fruire in modo sicuro ed efficiente di ambienti multicloud IBM ha reso disponibili competenze e una piattaforma specifica, la IBM MCMP, che mette a disposizione funzioni per l’integrazione e l’orchestrazione di più cloud e che supporta più stack tecnologici su una piattaforma multivendor.

La piattaforma IBM Public Cloud racchiude al suo interno servizi di PaaS (Platform as a Service), IaaS (Infrastructure as a Service), servizi si Sicurezza, IoT, Data e Intelligenza Artificiale (Watson).

Al momento sono oltre 190 i servizi a disposizione dell’utente con due modalità di account,

LITE con la possibilità di testarla con 40 servizi gratuiti illimitata nel tempo ed una versione STANDARD in cui è possibile, oltre ad usufruire di tutti i servizi, accedere ad un credito di 200 $ per iniziare a lavorare.

Lavorare, creare, condividere, progettare, sviluppare, tutto in un solo click grazie a IBM Cloud. Scalabilità, sicurezza, integrazione dei dati, open source, velocità di innovazione: un’unica piattaforma IBM Public.

E’ una piattaforma sofisticata che permette di ottimizzare i costi connessi all’utilizzo del multicloud, mappare e gestire i servizi e le relative dipendenze e estendere al multicloud i processi DevOps o nativi IT o di cloud tradizionali.