L’e-commerce che salva dall’emergenza Corona virus

Con la chiusura dei negozi fisici l’e-commerce diventa la principale fonte di business. Comprendere rischi e opportunità è fondamentale, come spiega Maurizio Alberti di Mapp Digital

In tempi di crisi, come quella causata dall’emergenza sanitaria per la diffusione del Covid-19, l’utilizzo dell’e-commerce rappresenta un’importante fonte di opportunità per salvaguardare il business che, invece, viene a mancare nei negozi fisici.

shopping online

 

Per le aziende che hanno già sviluppato un canale e-commerce e lo hanno affiancato a quello delle vendite nei negozi si tratta di eventualmente migliorare i processi per sostenere la nuova ondata di acquisti che potrebbero riversarsi in questo canale. Queste aziende dovrebbero chiedersi se il proprio e-commerce sia pronto a reggere un traffico da “Black Friday” per un periodo di alcune settimane che potrebbero diventare mesi.

Per chi ancora si trova ad avere un e-commerce assente o poco sviluppato, invece, la sfida potrebbe essere maggiore, ma sempre resterebbe un’opportunità da considerare al più presto per sostenere le vendite che potrebbero altrimenti calare drasticamente.

In generale, comprendere i rischi e le opportunità di questo scenario e agire tempestivamente è una missione importante e complessa. Come spiega Maurizio Alberti, VP Global Sales di Mapp Digital, società che fornisce la piattaforma di customer engagement Mapp Cloud: «Questo momento potrebbe rappresentare una svolta epocale nell’apertura alla multicanalità, anche da parte di clienti che fino ad oggi hanno resistito conservando le abitudini d’acquisto tradizionali. Allo stesso tempo è un incentivo per ogni azienda con un e-commerce a puntare maggiormente sulla conoscenza dei clienti e del customer journey digitale, nonchè sulla personalizzazione dei contenuti durante la navigazione e in generale sul monitoraggio in tempo reale delle performance per intervenire tempestivamente nel migliorare l’esperienza del cliente».

Maurizio Alberti, VP Global Sales di Mapp Digital

Maurizio Alberti, VP Global Sales di Mapp Digital

In una situazione come quella causata dall’emergenza Corona virus le aziende si ritrovano a dover spostare investimenti dal “drive-to-store” al “drive-to-online-store”, il che significa aumentare il budget digitale e rivedere il contenuto dell’advertising offline, come per esempio l’utilizzo di spot televisivi. Si rende necessario individuare quali siano i canali e quali i formati che generano traffico di migliore qualità e maggiore rendimento, ma per farlo bisogna anche avere a disposizione gli strumenti corretti.

«Con l’aumento esponenziale del traffico web, ogni piccolo miglioramento può generare un risultato amplificato rispetto a un periodo normale. Comprendere con precisione che cosa accade sul sito e poter intervenire, ad esempio, per migliorare il funnel dei carrelli abbandonati diventa, mai come adesso, un fattore cruciale nell’impatto sul fatturato dell’ecommerce» spiega Alberti.

Inoltre, molti possono essere i nuovi clienti che inizieranno a utilizzare il canale dell’e-commerce per la prima volta, e quindi diventa importante accoglierli in maniera personalizzata, e prepararsi a possibili anomalie nel customer journey, trattandosi appunto di una clientela diversa dal solito e abituata all’esperienza d’acquisto offline. In questo caso è anche consigliabile chiedere un feedback dopo l’acquisto per poter comprendere se è necessario offrire maggiore supporto a questi clienti nel caso vengano segnalate difficoltà oppure esperienze non totalmente positive.

Soprattutto se tra questi nuovi clienti potrebbe esserci anche una fetta di clienti fedeli che acquistano solitamente nei negozi tradizionali e si trovano a dover cambiare le proprie modalità di acquisto. Sarebbe utile in questo caso individuare questi clienti e personalizzarne l’esperienza sull’e-commerce in base al loro comportamento offline, così da alimentare ancor di più la fidelizzazione al brand.

L’importante è riuscire a trasformarli in clienti abituali del negozio virtuale, magari intervenendo durante la navigazione con messaggi che li invitino a restare in contatto con il brand tramite i canali a loro più congeniali, come per esempio la newsletter, le app oppure, per una clientela più senior e di solito meno abituata all’uso di strumenti digitali, tramite campagne sms.

Autore: