Come proteggere gli account di mail sui dispositivi mobili

La funzione “Account Check” di Kaspersky sui dispositivi mobili permette di scoprire gli indirizzi e-mail resi pubblici da violazioni su siti e piattaforme online

 

Dispositivi mobili, mail e cloud continuano ad essere dei punti critici per quanto concerne la sicurezza, perlomeno in certe condizioni.

In occasione della Giornata internazionale della privacy, gli esperti di Kaspersky hanno analizzato i principali rischi proprio in tema di privacy e le minacce informatiche cui sono statti esposti gli utenti dei suoi prodotti consumer.  Nell’epoca del BYOD però, la differenza tra consumer e professional è però sempre più labile

Nello specifico, esaminando gli utenti che usano la soluzione Kaspersky Security Cloud in tutto il mondo, la società ha rilevato che l’85% di loro ha utilizzato la funzione “Account Check” sui propri dispositivi mobili, scoprendo che i propri indirizzi e-mail erano diventati di dominio pubblico, a causa di violazioni di dati avvenute su siti e piattaforme online o di altri incidenti legati alla privacy verificatisi negli ultimi tempi.

Nonostante il dato desti qualche più che legittima preoccupazione l’azienda ha segnalato che non bisogna farsi prendere dal panico perché le soluzioni di cybersecurity e i principi della “digital hygiene” possono aiutare gli utenti a proteggere i loro dati digitali.

La tecnologia ha migliorato le comunicazioni online e continua a permettere di costruire un mondo sempre più accessibile e integrato. Gli utenti privati beneficiano delle opportunità che queste nuove tecnologie offrono loro, apprezzandone il valore; è comunque importante essere proattivi quando si tratta di proteggere i dati personali che servono per usare queste tecnologie. Le tattiche per ottenere le informazioni personali dalle persone oggi sono tante, come l’impiego del phishing o dei Password Stealer. Bisogna sempre tener presente, però, che è sufficiente adottare delle semplici best practice per salvaguardare la propria privacy digitale“, ha commentato Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky.

Come è cambiata la sicurezza dagli albori dell'IT

Come è cambiata la sicurezza dagli albori dell’IT

I consigli per proteggersi

Per proteggere le informazioni dalle minacce alla privacy e garantire la sicurezza dei dati personali, Kaspersky consiglia agli utenti di:

  • Evitare link o applicazioni sospette. Se si riceve un link o un documento da una fonte sconosciuta, o se non si è sicuri del contenuto, è importante verificare sempre con il mittente.
  • Prestare attenzione quando si usa Internet, leggendo attentamente i link e i contratti relativi ai servizi online. È fondamentale usare solo programmi e siti web certificati e sicuri.
  • Aggiornare sempre i servizi di sicurezza in uso online, installando le ultime patch e gli update dei vari prodotti. In questo modo, i dispositivi saranno protetti anche dalle minacce più recenti.

Un aiuto, osserva la società  lo si ha anche dall’utilizzo di “Privacy Checker”, un tool disponibile online e creato proprio per aiutare le persone a configurare gli account sui social media in modo sicuro  nonché installare una soluzione di sicurezza come Kaspersky Security Cloud, in grado di proteggere le informazioni contenute negli account e di avvisare l’utente in caso di compromissione dei dati personali.