DotForce sigla un accordo con ExtraHop Networks

Il distributore di tecnologie per la cyber security punta sulla tecnologia ExtraHop per l’analisi del traffico di rete in tempo reale delle infrastrutture enterprise ibride moderne

DotForce, distributore con sede a Vimercate (MI) specializzato in soluzioni di cyber security per il mercato enterprise, ha siglato una nuova partnership con ExtraHop Networks, una società di Network Traffic Analysis con sede a Seattle.

Da 13 anni il distributore si occupa di selezionare attentamente le tecnologie più innovative da introdurre sul mercato italiano per la difesa preventiva. La piattaforma di ExtraHop Networks, Reveal(x), è una soluzione di analisi dei dati di rete che fornisce informazioni cruciali sulle minacce, machine learning e automazione delle indagini, a supporto dei team di sicurezza.

 

 

«Con ExtraHop ci rivolgiamo agli operatori professionali (VAR, Systems Integrator, Service Provider) che lavorano con grandi aziende nei più svariati mercati verticali – spiega Fabrizio Bressani, Managing Director di DotForce -. A differenza di altre soluzioni, Extrahop Reveal(x) si basa sull’unica fonte completa di informazioni: la rete stessa. La piattaforma è in grado di analizzare in tempo reale le informazioni che provengono da ogni livello di rete (dal L2 al L7), fornendo informazioni critiche sia sulle performance sia sulla security».

La tecnologia ExtraHop, spiegano, è progettata per soddisfare le esigenze delle infrastrutture enterprise ibride moderne, dal core al cloud, con grande scalabilità. Permette di eliminare i punti ciechi nell’infrastruttura e il rumore di fondo generato da falsi alert, offrendo un’analisi del traffico di rete in tempo reale e tecniche di machine learning in grado di garantire visibilità approfondita per attivare risposte immediate.

L’analisi in tempo reale consente di rilevare e classificare tutti i dispositivi e le risorse sulla rete, mappare tutte le connessioni e le dipendenze e monitorare il flusso di traffico fino a 100 Gbps per singola appliance (incluse le sessioni crittografate SSL o PFS), rilevando e analizzando le anomalie, a livello di singolo pacchetto. La visibilità in real time su tutta l’azienda ibrida include anche il traffico cloud.

La tecnologia ExtraHop può essere implementata on-premise oppure in servizi di cloud pubblico come Amazon Web Services (AWS) e Microsoft Azure.

Autore: