La Cyber Security parte dalla disponibilità di dati e applicazioni

La Cyber Security è questione di strategia, prevenzione e pianificazione. Il Cloud Data Management su Azure e AWS di Veeam permette di migliorarla

 

La Cyber Security è un argomento che non fa dormire sonni tranquilli ai manager aziendali. Se anche le difese di aziende del Finance vengono infrante significa che tutte le aziende sono a rischio.

Il punto critico è che poiché tutti i dati che gestisce un’azienda, compresi i back-up e i dati archiviati, possono essere un obiettivo per i criminali informatici, quello che si evidenzia essere necessaria è una solida strategia di Cloud Data Management affinché le aziende possano garantire che non siano proprio i back-up a costituire la porta d’ingresso di un attacco.

Tuttavia, mentre è possibile esternalizzare la gestione dei dati, non è possibile esternalizzare completamente la responsabilità relativa ai dati. La risposta a questo problema è che i reparti IT adottino la gestione dei dati nel cloud e allo stesso tempo garantiscano che questi dati siano sottoposti a una gestione che ne abiliti backup, recupero e protezione.

Quello di cui le organizzazioni necessitano è di poter contare su un approccio efficace per la protezione in-house e  in ambienti multi-cloud dei dati e il loro ripristino per rispondere e reagire velocemente e responsabilmente a qualsiasi tipo di attacco che ne abbia causato l’alterazione o la perdita. E’ inoltre fondamentale disporre di funzionalità che permettano di documentare il rispetto dei livelli di servizio, l’efficacia dei piani di Disaster Recovery e di migrazione attraverso test automatizzati anche a dimostrazione delle conformità della gestione rispetto alle normative vigenti ”, osserva Albert Zammar, vice president SEMEA di Veeam Software (veeam.com).

Dati al sicuro con il Cloud Data Management

La gestione dei dati nel cloud o “Cloud Data Management” è una componente chiave del portfolio Veeam e tramite essa, quale parte integrante della soluzione di “Intelligent Data Management”, i dati possono essere sempre disponibili a livello di intera azienda, essere gestiti centralmente, controllati e posizionati dove possono costituire e fornire il massimo del valore. Rappresenta quindi una grande opportunità che deve essere accettata ai livelli più alti dell’organizzazione ed essere condivisa e implementata in tutta l’azienda.

Il Cloud Data Management deve però essere in grado di operare e garantire la movimentazione dei dati in un contesto che è sempre più multi-cloud e in primis in ambienti Microsoft Azure e Amazon Web Services (AWS).

E’ quello che abbiamo reso possibile con il recente rilascio di. Veeam Backup for Amazon Web Services e di Veeam Backup for Microsoft Office 365”, ha evidenziato Zammar.

Albert Zammar, vice president SEMEA di Veeam Software

Albert Zammar, vice president SEMEA di Veeam Software

Backup e Recovery in Amazon Web Services

Veeam Backup for Amazon Web Services (AWS) è una soluzione per la protezione dei dati su AWS, integrata con Veeam Backup & Replication, che consente agli utenti Veeam di gestire i propri dati, siano essi in cloud, virtuali o fisici, all’interno della stessa piattaforma.

Permette ai responsabili IT di intervenire direttamente per proteggere i dati critici e consentire la business continuity in caso di interruzione, calamità o attacchi informatici. Le principali esigenze a cui la soluzione risponde sono:

  • Backup Nativo per AWS e ripristino: è stata progettata per garantire i carichi di lavoro originati nel cloud. Supporta le snapshot native e i backup Veeam e ottimizza i costi connessi alla conservazione a lungo termine dei dati in Amazon Simple Storage Service.
  • Mobilità Ibrida: evita il cloud lock-in, ripristina o migra i diversi carichi di lavoro on-premise direttamente ad AWS e ripristina file o dati da AWS a qualsiasi altro ambiente supportato da Veeam (es. VMware V-Sphere, Microsoft Hyper-V, Nutanix AHV).
  • Costi di gestione ottimizzati: supporta nel gestire, eseguire il backup e recuperare i carichi di lavoro da un’unica interfaccia.
  • Portabilità licenze Cloud-ready: permette di movimentare i carichi di lavoro in ambienti cloud con una licenza Veeam che segue in modo flessibile il carico di lavoro.

La protezione dei dati è fondamentale sia per la business continuity che per rispettare le normative e mantenere la reputazione del marchio. Il cloud in tutto questo è di notevole aiuto ma i responsabili IT devono comunque intervenire direttamente per proteggere i dati critici e consentire la business continuity in caso di interruzione, calamità o attacco informatico”, ha commentato Zammar.

Backup nel cloud Microsoft Azure

Per quanto concerne il Cloud Azure, Veeam ha di recente annunciato due sviluppi della propria proposta: una nuova versione di ‘Veeam Backup for Microsoft Office 365 v4’ (disponibile attraverso il Marketplace Azure).e la preview della soluzione di protezione dati nativa per il cloud ‘Veeam Backup for Microsoft Azure’ per i carichi di lavoro su Microsoft Azure.

Le due soluzioni rafforzano la strategia cloud dell’azienda volta a fornire agli utenti Microsoft funzionalità aggiuntive per la protezione dei dati, scalabilità e un migliore controllo dei dati nel cloud.

L’esigenza della soluzione Veeam deriva dal fatto che con Office 365, Microsoft è responsabile dell’operatività dell’infrastruttura Office 365, ma il backup e la gestione dei dati restano di competenza dei clienti.

In particolare, Veeam Backup for Microsoft Office 365 v4 fornisce un’integrazione diretta con Microsoft Azure Blob Storage, e permette alle aziende che desiderano tenere i loro dati Office 365 in Azure una soluzione scalabile e sicura.  Disponibile con la soluzione è inoltre uno strumento integrato che permettere agli utilizzatori un maggiore controllo sui costi del cloud e sui risparmi ottenuti.

Il controllo in ambiente Azure è migliorato anche tramite l’integrazione con Veeam Backup & Replication, integrazione che consente alle aziende di assumere il controllo dei propri dati nel cloud proteggendo e gestendo i backup di Azure insieme ai dati fisici, virtuali e cloud.