Con Sirti rete e security a misura di Multi Cloud

Sirti consolida la posizione nelle reti e servizi Telco e rafforza il portfolio per la digital transformation e la cyber security con Wellcomm e progetti suggeriti dai dipendenti

 

Quando si parla di Cloud ci si concentra sovente su quello che viene riferito come SaaS, e cioè il software fruito come servizio. Si dimentica così che l’accesso alle applicazioni deve avvenire rapidamente e in modo sicuro, soprattutto quando si tratta di interconnettere data center tra cui movimentare i dati, realizzare procedure di restore o di backup o semplicemente effettuare transazioni che presentino un elevato grado di riservatezza. E’ questo il caso del mondo finance, della sanità o della difesa, senza poi trascurare quanto afferente ali dispositivi IoT e IIoT di aziende di servizi pubblici come nel caso dell’energia.

Quello delle reti ad alte prestazioni e con un elevato grado di sicurezza adatte per il supporto del nuovo modo di gestire i dati è uno dei settori su cui è impegnata Sirti, società che è stata una delle pioniere in Italia nella realizzazione delle infrastrutture di rete pubblica e privata, ora partecipata al 100% da Pillarstone e guidata da Roberto Loiola, e che, proprio per fornire infrastrutture altamente sicure, ha acquisito di recente Wellcomm Engineering, società specializzata nella cyber security e nelle soluzioni digitali.

L’acquisizione di Wellcomm è giunta dopo un anno, il 2018, che ha rappresentato per Sirti un anno di profonda trasformazione, con risultati in miglioramento rispetto al precedente esercizio nonostante i grandi cambiamenti strutturali e la forte competizione che da anni stanno interessando il mercato delle telecomunicazioni.

Se ha consolidato la propria posizione nel settore “Telco Infrastructures”, con il coinvolgimento nella realizzazione della rete a Banda Ultralarga per Open Fiber e contratti pluriennali per la manutenzione e costruzione delle reti di accesso e di trasporto con operatori primari, è però nel settore digitale che ha maggiormente esteso il suo coinvolgimento, dove a consuntivo ha ottenuto nuovi ordini e ricavi per circa 130 milioni di euro con una crescita superiore al 10% anno su anno.

Alla base di questo risultato, ha spiegato l’azienda, c’è stata la forte crescita e differenziazione del business nei comparti Utilities, Large Enterprise e PA.

Nel corso del 2018 ha però, come evidenziato, intensificato lo sviluppo di competenze e l’assunzione di nuove energie negli ambiti tecnologici più rilevanti della digital transformation quali hybrid cloud, edge computing, network function virtualization, software defined networking e la citata cyber security.

Nella security, ha portato a termine l’acquisizione di Wellcomm Engineering, azienda con sede a Milano e specializzata in soluzioni e servizi di Cyber Security, con importanti Clienti in ambito Finance, Insurance e Industry. L’acquisizione, conclusa ad aprile 2019, rappresenta per Sirti una vera e propria pietra miliare per lo sviluppo del portafoglio di soluzioni digitali.

“La progressiva digitalizzazione dell’offerta per Sirti consentirà di consolidare ulteriormente la propria leadership di mercato. Grazie alla digitalizzazione coniugata alla propria capacità operativa, il Gruppo Sirti potrà cogliere meglio di altri le opportunità su mercati contraddistinti da tecnologie sempre più capillari sul territorio e in grande trasformazione”, ha evidenziato Roberto Loiola, Amministratore Delegato di Sirti.

Sirti - Roberto Loiola

Sirti – Roberto Loiola

La strategia dell’azienda, in contemporanea all’impegno nei suoi diversi settori, ha puntato sullo sviluppo di un portfolio di soluzioni End-to-End rinnovato in modo che ognuna delle quattro Business Unit sia allo stesso tempo auto-sostenibile nella gestione del business, ma anche in grado di alimentare sinergie e maggiore valore aggiunto per i clienti in caso di progetti complessi e multi-disciplinari.

Un elemento chiave della strategia è il presidio dell’intero ciclo di vita delle infrastrutture tecnologiche e digitali, e la capacità di erogare Managed Services a partire dai due Operations Control Center attivi h24/7 su Milano e Roma.

Il rafforzamento nella Cyber Security

Come evidenziato, prima dell’estate Sirti ha annunciato l’acquisizione di Wellcomm Engineering, società molto attiva nel mercato italiano in ambito Cyber Security.

L’operazione si è inserita nella strategia di rafforzamento e sviluppo del posizionamento del Gruppo Sirti, è ha portato ad un potenziamento del portafoglio di offerta nei segmenti di mercato in cui opera la Business Unit Digital Solutions e aperto all’azienda nuove prospettive di mercato nei settori Finance e Industry.

“Il portafoglio della Business Unit Digital Solution di Sirti si arricchisce di solide competenze e tecnologie in ambito Cyber Security, grazie a questa operazione. La forte complementarietà tra le aziende consente di amplificare la nostra capacità di generare valore per i nostri clienti attraverso soluzioni e servizi ad alto contenuto tecnologico”, ha commentato Benedetto Di Salvo, Vice President della Business Unit Digital Solutions di Sirti.

 Imprenditivity per la Open Innovation

Subito dopo l’estate Sirti ha dato il via a IMPRENDITIVITY, un progetto suddiviso in due fasi. La prima fase ha visto il coinvolgimento di tutti i dipendenti dell’azienda in un contest creativo durante il quale sono state selezionate le idee più innovative proposte dai dipendenti in grado di creare valore per l’azienda risolvendo problemi reali o abilitando a nuove opportunità di business.

Con la seconda fase ora in corso, attraverso un approccio di Open Innovation, è stato aperto un bando di gara per la realizzazione delle challenge selezionate.

In pratica, dalle 5 idee più interessanti emerse, sono nate altrettante challenge che alimenteranno la seconda fase del programma.

A questo punto saranno startup e PMI a ricoprire un ruolo da protagonista, ma senza dimenticare gli “inventori”, ovvero, i dipendenti Sirti che, con le loro idee, hanno contribuito alla generazione delle 5 challenge e di cui il programma prevede un ruolo attivo fino al termine del ciclo di innovazione.

“Per Sirti l’innovazione è sempre stata una sfida continua, motore per il rinnovamento di competenze e capacità operative, ed elemento cardine della propria competitività. Oggi l’innovazione è un processo pervasivo e si fa in rete, condividendo in logica aperta problemi e soluzioni con clienti, partners tecnologici e startups, anche mettendo in comunicazione filiere industriali appartenenti a settori diversi. Per questo motivo abbiamo lanciato IMPRENDITIVITY, un contest creativo volto a coinvolgere nel processo di innovazione tutta l’azienda e ad aprire le porte alle virtuose collaborazioni con le startup e PMI’, ha commentato Pietro Urbano Mimmo, Vice President Innovation & Communication di Sirti.