Zoho One amplia automazione, tlc, Single Sign-On, BlockChain

La nuova generazione del “sistema operativo” per ogni impresa aggiune una’app ed espande la suite. Crescono i clienti

L’ultima release di Zoho One, a due anni dal lancio si allarga con nuove funzionalità per automazione dei processi, telefonia, single sign-On e BlockChain.

Crescono, dunque le capacità della suite integrata che, a detta degli ideatori è un vero proprio “sistema operativo” per l’impresa, di cui semplifica la gestione. Più precisamente, Raju Vegesna, capo evangelista di Zoho, afferma: «La tecnologia dovrebbe aiutare le aziende. Invece, si è evoluta in una bestia così complessa che i clienti a fatica riescono a domare: il destreggiarsi con app di più fornitori, i tentativi di risolvere il puzzle dell’integrazione multi-app, la gestione dei fornitori costringono i clienti a contratti costosi e prolissi».

Il cloud aiuta solo in parte e, talvolta, crea problemi a causa di una semplicità d’installazione cui non corrisponde un’adeguata orchestrazione.

Al riguardo interviene Mark Smith, CEO e Chief Research Officer di Ventana Research, il quale afferma: «L’evoluzione poco ordinata del settore ha purtroppo generato l’abitudine di operare in cloud tramite una serie di applicazioni e piattaforme non integrate tra loro, e ciò ha fatto lievitare i costi per le aziende con spreco del loro tempo e delle loro risorse e il risultato di una inefficienza digitale».

L’analista, quindi, continua:« Zoho One semplifica l’infrastruttura di cloud computing con una sofisticata orchestrazione dei processi aziendali attraverso il front e il back office, garantendo quelle comunicazioni unificate e quella collaborazione necessarie per semplificare l’impegno e le operazioni digitali di qualsiasi azienda».

Infine Smith conclude:« Con la piattaforma unificata di applicazioni business in cloud Zoho One, consente alle organizzazioni di diventare digitalmente efficaci con i dipendenti, i clienti, i partner e i fornitori».Zoho One

Vegesna, quindi, propone: « Con Zoho One vogliamo cambiare tutto questo, perchè Zoho One è una piattaforma tecnologica per gestire l’intera azienda con un unico fornitore con cui è facile fare affari e di cui ci si può fidare. Con Zoho One un’azienda non acquista soltanto una licenza tecnologica, ma anche la tranquillità di una scelta vincente».

Più in dettaglio, osserviamo che Zoho ha aggiunto la nuova applicazione Orchestly, che per la gestione del flusso di lavoro aziendale che consente ai clienti di creare, gestire e ottimizzare senza sforzo i propri processi di business attraverso un’interfaccia drag-and-drop che fornisce servizi per telefonia, single sign-on e provisioning integrati; come spiegano presso l’azienda.

Zoho One e le novità del sistema operativo

Vegesna illustra le novità in dettaglio, cominciando dal PhoneBridge, la piattaforma di telefonia di Zoho che da un lato integra oltre 50 fornitori di telefonia e dall’altro diverse applicazioni Zoho. Ora è ora disponibile in Zoho One.

L’integrazione di, di fatto, abilita la telefonia nelle app Zoho come CRM e Recruit, inoltre consente ai clienti di effettuare chiamate dalle app Zoho e fornisce informazioni contestuali per le chiamate in entrata. L’abilitazione di PhoneBridge fornirà agli utenti il contesto per tutte le chiamate in entrata da Zoho CRM, Zoho Recruit, Zoho Mail e oltre 20 altre app.

Il Single Sign-on, invece è un che permette ai clienti di integrare applicazioni di terze parti nel proprio account Zoho (a momento sono supportatecirca 50 applicazioni di terze parti, ma il numero e cresce di continuo. Questo anche perché fornisce un vantaggio, in quanto rende più conveniente la gestione di Zoho e delle applicazioni di terze part. In in più, poiché, il Single Sign Onn di Zoho funziona con i sistemi di terze parti  in qualità di directory attiva, si ottiene una maggiore scalabilità.

Gli amministratori Zoho One possono ora applicare l’autenticazione YubiKey come fattore aggiuntivo per una maggiore sicurezza, oltre alle autenticazioni a più fattori già supportate, spiegano presso Zoho, specificando che, al momento Zoho One abilita il provisioning per tutte le 45+ app Zoho. Ora il provisioning viene esteso alle app personalizzate create tramite Zoho Creator e alle app esterne disponibili tramite Zoho Marketplace.

Le app Zoho, di terze parti, personalizzate e SSO possono essere fornite individualmente agli utenti o come gruppi condizionatamente sottoposti a criteri personalizzati.

Il nuovo pannello di amministrazione di Zoho One consente agli amministratori di monitorare l’attività degli utenti e l’utilizzo delle app attraverso dashboard e report, consentendo loro di trovare e gestire risorse sottoutilizzate. Gli amministratori ricevono inoltre report dettagliati sulla gestione degli utenti, l’attività di accesso, l’utilizzo delle app e la sicurezza dell’account.

Zoho One Orchestly

Orchestly  è stato concepito per semplificare la definizione dei processi da parte dei manager che non sono esperti di coding. Come spiegano i tecnici di Zoho, infatti, gli amministratori possono automatizzare ed eseguire i loro regolari flussi di lavoro, inclusi i flussi di lavoro intradipartimentali come approvazione di acquisto, pubblicazione di contenuti, gestione delle risorse e assunzioni. Per esempio, nel caso si debba assunere un nuovo dipendente, la selezione, il colloquio, la presentazione dell’offerta e l’assunzione vengono gestiti coinvolgendo i reparti selezione, risorse umane, legale e il team nel quale il candidato lavorerà. Poiché in questo processo sono coinvolti così tanti reparti e moduli, Orchestly è in grado di oltrepassare questi vari team e moduli per creare flussi di lavoro completi e automatizzare processi complessi.

Zoho Sign

La versione migliorata di Zoho Sign fornisce ora un ulteriore livello di verifica per i clienti grazie all’adozione della marcatura temporale basata su blockchain tramite Ethereum, la piattaforma open source accettata a livello globale.

 

Ogni volta che un documento viene firmato utilizzando Zoho Sign, in background viene eseguita una transazione Ethereum alla quale viene aggiunto l’hash del documento firmato nelle note della transazione.

Il supporto

Zoho One offre un servizio gratuito di Concierge, attraverso cui i potenziali clienti possono consultare il team Zoho che li aiuterà a comprendere meglio come Zoho One può aiutare la propria attività.

Zoho sta inoltre introducendo Jumpstart per Zoho One per aiutare i clienti nell’implementazione iniziale. A tutti i clienti Zoho One viene fornito un supporto incluso nel pacchetto, ma ora i clienti aziendali possono richiedere un supporto premium.

Zoho One e dottori.it

Infine, segnaliamo che in qusti due anni Zoho One ha registrato una crescita rilevante, arrivando a contare 20mila clienti. Tra questi, per esempio, Dottori.it, come testimonia Marco Amodeo, Product Owner di tale azienda, affermando:« Siamo partiti dal CRM e dalle app di firma digitale e analytics e in pochi giorni tutto il team era pienamente operativo. Procederemo con le altre applicazioni perché Zoho One ci aiuta ad avere un’unica piattaforma utilizzata da funzioni all’interno dell’organizzazione. Le nuove funzionalità aggiunte continuano ad aiutarci nel processo di Digital Transformation e a seguire da vicino l’esperienza di clienti e collaboratori.

Amodeo aggiunge anche: «Dottori.it ha scelto Zoho One per la semplicità e immediatezza con cui le diverse funzioni aziendali possono operare, collaborare e condividere i dati aziendali, permettendo la piena visibilità sull’andamento del business.

Gaetano Di Blasio ha lavorato presso alcune delle principali riviste specializzate nell’ICT. Giornalista professionista, è iscritto all’ordine dei giornalisti della Lombardia ed è coautore di rapporti, studi e Survey nel settore dell’ICT. Laureato in Ingegneria.