IBM Red Hat accelerano lo sviluppo a tutto cloud

Un nuovo portfolio cloud native con oltre 100 nuovi software e 5 soluzioni Cloud Paks, all’insegna di Red Hat OpenShift, per abbattere tempi e costi

IBM accelera nello sviluppo di prodotti e soluzioni che beneficiano dello stretto rapporto con Red Hat.

In particolare, grazie all’integrazione sempre più profonda sul fronte Red Hat OpenShift, sono stati annunciati numerosi software e gli ” IBM Cloud Paks”, che, a detta degli esperti di IBM, portano, tra gli altri, benefici quali fino all’84% delle spese operative e una riduzione dei tempi di sviluppo che si abbatte del 75%.

Inoltre, vengono annunciati Red Hat OpenShift su IBM Cloud, RedHat OpenShift su IBM Z e LinuxONE. A questo si aggiungono consulenza e servizi tecnologici per RedHat.

Il vantaggio principale, però, consiste nella possibilità, per le aziende, di sviluppare un’applicazione critica di business una sola volta, potendo poi eseguirla pressoché su qualsiasi cloud anche pubblico,

incluse Amazon Web Services, Microsoft Azure, Google Cloud Platform, Alibaba e IBM Cloud.

Qui entrano in gioco i cloudPack, che abilitano le nuove funzionalità. Al momento sono 5 e comprendono, di cui una è Cloud Pak for Data, progettata per gli insight, che accelera grazie a un’architettura di virtualizzazione dei dati per l’AI con una velocità aumentata del 500% in prove di laboratorio.

Cloud Pak for Applications, invece serve per integrare app, dati, servizi cloud e API, il tutto abbattendo i tempi di sviluppo dell’84% secondo un’indagine realizzata da Ovum. e riducendo i costi di integrazione del 33%in base a una misurazione di Forrester Research.

Il quarto “pacchetto” è Cloud Pak for Automation, che è stato pensato per diminuire i processi decisionali dell’80%, stando a ulteriori analisi di Forrester.

Infine loud Pak for Multicloud Management è stato progettato per fornire visibilità, limitando governance e automazione per le spese operative di supporto

e spese operative di supporto, come ricavato da Ovum.

I prossimi passi di IBM e Red Hat

In funzione di questo annuncio, segnalano da IBM e Red Hat, vengono forniti modelli operativi e un e un insieme di servizi, tra cui la gestione delle identità, la sicurezza, il monitoraggio e la registrazione.

Un unico operativo IBM Red Hat fornisce elevata una visibilità e capacità di controllo.

Come accennato, una conseguenza dell’annuncio IBM Red Hat è che IBM porterà Red Hat OpenShift sui sistemi IBM Z e LinuxONE che, insieme, alimentano più di 30 miliardi di transazioni applicative al giorno a livello globale. OpenShift è già sui Power Systems e Storage di IBM.

Inoltre, va segnalato che i nuovi servizi IBM IBM Red Hat saranno forniti da un team molto ampio di consulenti certificati Red Hat, che dispone di una grande community storica e da oltre 80.000 professionisti dei servizi applicativi cloud per aiutare i clienti a spostare, costruire e gestire i carichi di lavoro in ambienti cloud.

Gaetano Di Blasio ha lavorato presso alcune delle principali riviste specializzate nell’ICT. Giornalista professionista, è iscritto all’ordine dei giornalisti della Lombardia ed è coautore di rapporti, studi e Survey nel settore dell’ICT. Laureato in Ingegneria.