DECO Industrie sceglie VEM sistemi per la Digital Transformation dei processi produttivi

Una APP realizzata ad hoc da VEM sistemi permette di gestire e monitorare la nuova architettura di rete e di mettere la tecnologia al servizio della produzione e della sicurezza

 

DECO Industrie, azienda che con le sue due divisioni progetta, realizza e confeziona detersivi per l’igiene domestica e prodotti alimentari da forno, ha affidato a VEM sistemi (www.vem.com), system integrator forlivese, la gestione della trasformazione digitale della propria struttura con la costruzione di una moderna rete di fabbrica in grado di mettere la tecnologia al servizio della produzione e della sicurezza.

Nata nel 1951 e attiva inizialmente nel settore dei detersivi, Deco Industrie  si è poi spostata anche nel settore alimentare nel 1995 con l’acquisizione della Cofar di Ravenna, della Piadina Loriana di Forlì nel 1999 e di Italiana Biscotti di Ferrara nel 2013. 

L’acquisizione di Scala detersivi risale al 2003, mentre l’acquisizione di Packaging Imolese, nel 2015, ha dato vita ad una grande azienda nel mondo della detergenza ed aperto  le porte della cosmetica.

Oggi conta oltre 500 dipendenti e 5 stabilimenti di produzione con una distribuzione che copre l’intero territorio nazionale e un piano industriale che prevede l’espansione internazionale.

Da questa varietà di attività, settori e siti è nata l’esigenza di un ampio progetto di digital transformation, in linea questo con il fatto che anche in Italia si sta diffondendo sempre più la consapevolezza che la connessione e il mettere a fattor comune l’enorme mole di dati che una fabbrica genera è, a tutti gli effetti, una strategia vincente.

Ancora oggi però, osserva VEM, la separazione tra il mondo IT e OT è piuttosto comune a causa delle differenti tecnologie e competenze coinvolte.

Continuare a lavorare separatamente, non solo rallenta l’adozione delle soluzioni tecnologiche che sono fuori dalla zona di comfort dell’OT, ma espone le aziende al rischio di avere completamente fuori controllo i sistemi di gestione, impattando drasticamente sulla produzione in caso di guasto o di problemi di sicurezza al sistema digitale di fabbrica”, ha dichiarato Marco Bubani, Direttore Innovazione VEM sistemi che prosegue: “Il processo di digitalizzazione, infatti, implica il confronto tra culture distinte: operation e IT. Le nuove tecnologie da sole non bastano per cogliere le opportunità di Industria 4.0, occorre sapere integrare i due comparti in gioco che hanno un grande potenziale innovativo se presi singolarmente, ma hanno potenzialità enormi se aggregati in un dialogo continuo tra macchine e persone, rendendo semplice e immediata la fruizione di tecnologie anche molto complesse”.

Per far leva sulle opportunità offerte dalle nuove tecnologie della digital industry, DECO aveva avviato un processo di digitalizzazione del processo produttivo acquistando nuovi macchinari pronti per essere connessi, ma serviva una rete di fabbrica adeguata per consentirne l’utilizzo.

“Ora che la tecnologia lo consente, non potevamo perdere l’opportunità di mettere i macchinari nelle condizioni di dialogare, oltre che produrre, per fornirci dati utili a migliorare qualità, efficienza e sicurezza sia degli impianti sia delle persone che ci lavoranoTuttavia la nostra rete di fabbrica non era sufficientemente strutturata per questo passaggio, avevamo quindi la necessità di scegliere un partner tecnico all’altezza di questo compito che ci accompagnasse verso un nuovo paradigma”, ha evidenziato  Antonio Campri, Presidente DECO.

Una rete di fabbrica ben progettata è infatti l’abilitatore necessario alla trasmissione e gestione di una mole di dati, in costante aumento all’interno del processo produttivo, che devono però essere trasformati in informazioni utili al business.

Consapevole del profondo cambiamento tecnologico da attuare, la società si è quindi rivolta agli esperti di VEM sistemi, a cui ha affidato il compito di predisporre una infrastruttura ad hoc, atta a garantire da un lato una rete di fabbrica robusta e sicura per gli stabilimenti produttivi ma che fosse anche semplice da gestire per i propri operatori, dall’altra l’ottimizzazione della produzione.

VEM sistemi, in collaborazione con Cisco, ha realizzato in risposta alle esigenze di DECO una struttura di rete secondo le best practice di settore, rispettando le specifiche della normativa IEC62443.

I punti chiave del lavoro realizzato da VEM sono:

  • Segmentazione della rete per linee di produzione. Ogni linea di produzione è messa in comunicazione solo con le risorse necessarie alla fase di lavoro.
  • Separazione tra rete IT e rete fabbrica: si passa da una zona “demilitarizzata” per lo scambio delle informazioni
  • Autenticazione e assegnazione ruoli, sia fisico che logico
  • Accesso remoto per i manutentori

Per dare alla fabbrica degli strumenti di monitoraggio e gestione semplici, VEM sistemi ha anche sviluppato una applicazione web chiamata FACTORII capace di interfacciarsi via API con gli apparati di fabbrica.

La app permette il controllo dell’architettura di rete, la gestione degli accessi alle porte di rete nei vari armadietti, la manutenzione remota in maniera autonoma.

In pratica, la web app semplifica l’utilizzo di una architettura complessa, con l’obiettivo di rendere gli operatori di fabbrica autonomi nel gestire la configurazione di alcune funzionalità di sicurezza del sistema ICS.

E’ anche possibile avere immediata visibilità di tutti i sistemi che tentano di accedere alla rete di fabbrica ed in modo semplice e intuitivo l’operatore può autorizzare o negare l’accesso a quei dispostivi.

Nello stesso modo, l’operatore può avere immediata visibilità di quali connessioni remote sono attive verso le automazioni e può abilitarle e disabilitarle.

Non ultimo,  ha osservato VEM, è possibile controllare ed eventualmente anche isolare una porzione di rete gestendo così la segmentazione della rete stessa in modo capillare, aumentandone il livello di sicurezza.

La digitalizzazione della fabbrica consentirà a DECO di elevare il livello di sicurezza contro attacchi informatici, di ridurre i rischi fisici per le persone che vi operano grazie a un elevato controllo degli accessi e delle comunicazioni.

Un ulteriore risultato è la digitalizzazione della fabbrica, che permette di ottimizzare la produzione grazie all’incremento dell’efficienza e contemporaneamente di ridurre i costi in modo da migliorare la competitività.