Vodafone Business per la digital transformation delle imprese

Alleanze e 240 milioni di euro investiti in in 5 anni per aiutare aziende e Pubblica Amministrazione a sviluppare e integrare soluzioni per il business

Andando oltre la “semplice” connettività, Vodafone lancia la divisione Vodafone business, siglando una partnership con Cerved attraverso la quale integrare i Vodafone Analytics, cioè tutti i dati relativi alle sim, integrati con gli indicatori economici e socio demografici relativi ai territori.

Giorgio Migliarina, Direttore di Vodafone Business subito evidenzia che i dati sono aggregati in gruppi maggiori di 30 dispositivi, in modo che non sia possibile, neanche con il reverse engeneering, risalire ai dati del singolo individuo.

Giorgio Migliarina, Direttore di Vodafone Business_low

Giorgio Migliarina, Direttore di Vodafone Business_low

Con la divisione vengono annunciati anche investimenti per 240 milioni di euro nei prossimi 5 anni, al fine di creare servizi e competenze con cui aiutare le imprese a sviluppare soluzioni “smart” che sfruttino il digitale.

L’obiettivo è anche quello di accrescere l’ecosistema, aprendo alla collaborazione con gli operatori della supply chain, comprese aziende dell’informatica e il canale ICT, per favorire lo sviluppo di soluzioni innovative.

A tal proposito Migliarina sottolinea l’impegno a collaborare con le università e, anche tramite queste, cercare start up da far crescere.

La dotazione offerta dalla nuova divisione, spiega Migaliarina, comprende i punti di forza di Vodafone, a cominciare dalla Giga Network e l’imminente 5G (già avanzata la sperimentazione a Milano), per continuare con le piattaforme IoT, Cloud e i citati Analytics, cui si aggiungono le tecnologie della convergenza per realizzare soluzioni di reti virtuali software defined supportate da un approccio security by design, che dovrebbe “certificare” un rapporto di fiducia, senza dimenticare il posizionamento internazionale e la capacità d’integrare soluzioni avanzate basate su standard aperti.

I servizi Vodafone Business

I servizi Vodafone Business

La sperimentazione e casi studio Vodafone

Come accennato, Vodafone è in fase avanzata grazie alla sperimentazione implementata in oltre 30 use case nell’area milanese, con partner industriali e istituzionali in svariati settori, tra cui sanità e benessere, sicurezza e sorveglianza, industria 4.0, education, entertainment, smart energy , smart city, mobilità e trasporti.

Dopo Migliarina, sul palco Alessandro Magnino, Head of Corporate e Public Sector Marketing di Vodafone Business Italy, presenta tre casi di studio, partendo da uno degli eventi clou per Milano: la Fashion Week Donna che ha movimentato il capoluogo lombardo tra il 19 e il 25 febbraio 2019: un’occasione ideale per l’applicazione dei Vodafone Analytics, mostrando l’impatto dell’evento e la sua portata attraverso un’accurata analisi statistica relativa a presenza, mobilità e flussi di persone (duecento tredicimila i visitatori in più, rispetto una settimana tipo, con un 39% di stranieri e un 61% di italiani.

Soluzioni Internet of things

Soluzioni Internet of things

Le statistiche aggregate consentono ai commercianti, per esempio, di prendere decisioni sull’assortimento, l’approvvigionamento e tante altre attività che aiutano ad aumentare La experience della propria base clienti.

Per esempio, ci spiega un tecnico Vodafone, un negoziante potrebbe osservare che, giungendo da una determinata direzione passa, passa davanti la propria vetrina un flusso di persone, italiane o straniere con un determinato potere d’aquisto, in certe fasce orarie.

Molti i dati disponibili, grazie alla citata collaborazione con Cerved, che ha messo a disposizione gli score territoriali, i quali descrivono il territorio in base alle proprie caratteristiche e a quelle dei cittadini da cui provengono.

Di tutt’altro genere il progetto realizzato da Vodafone per Edilizia acrobatica, azienda all’avanguardia nel settore edile per lavori su corda, che sfrutta una tecnica innovativa a doppia fune di sicurezza.

Per Edilizia Acrobatica Vodafone ha sviluppato un’applicazione per la gestione intelligente dei magazzini, sfruttando la tecnologia NFC (Near Field Communication) e i codici a barre.

Tre clienti Vodafone Business

Da sinistra, Alessandro Magnino dialoga nell’ordine con Luca Martinazzoli,del Comune di Milano, Attilio di Cunto, amministratore delegato di Euromilano e Vincenzo Polleni, direttore commerciale di Edilizia Acrobatica

La soluzione consente di tracciare tutto quello che entra ed esce e dai magazzini, ottenendo un notevole risparmio in termini di perdita dei materiali e delle attrezzature.

Infine, il caso Uptown Milano rappresenta un’ applicazione smart district. In pratica un intero complesso residenziale, alla periferia NordOvest di Milano, che è in procinto di essere realizzato da Euromilano, con la quale Vodafone ha stretto una partnership, al fine di fornire servizi avanzati, come la connettività, con Wi Fi gratuito, sistemi di videosorveglianza, fibra FTTH, Wi-Fi e servizi telefonia per i futuri residenti.

Una app consentirà a questi ultimi di gestire le comunicazioni e le segnalazioni verso la centrale operativa dello smart district, di comunicare con i sistemi di domotica presenti nell’appartamento e di utilizzare gli Smart Locker Vodafone presenti nel distretto per il ritiro di consegne online.

Altri progetti tre, fra i più recenti, sono tre soluzioni a appena realizzate a Carugate, dove la biblioteca comunale ha concepito un’esperienza immersiva di Realtà Virtuale per la consultazione e l’approfondimento di contenuti storici. Uno studio di architettura collabora con un ufficio pubblico per modificare in tempo reale i progetti edilizi. Uno studente può seguire la lezione da casa interagendo in tempo reale con l’insegnante e visualizzando in alta definizione i materiali didattici utilizzati. Il tutto grazie alle piattaforme Vodafone.

Più precisamente grazie al Fixed Wireless Access in 5G.

Gaetano Di Blasio ha lavorato presso alcune delle principali riviste specializzate nell’ICT. Giornalista professionista, è iscritto all’ordine dei giornalisti della Lombardia ed è coautore di rapporti, studi e Survey nel settore dell’ICT. Laureato in Ingegneria.