OVH rilascia una gamma di prodotti per il cloud “a la carte” di PMI e Enterprise

La nuova gamma Bare Metal  abbina le prestazioni e la versatilità necessarie per la digital transformation di piccole imprese e professionisti

 

OVH ha annunciato  una  espansione del suo portfolio di prodotti bare-metal, ora diviso in quattro gamme di prodotti. In particolare, la gamma Rise si propone di rispondere alle esigenze delle microimprese.

La gamma Advance è progettata per le piccole e medie imprese e un rapido utilizzo delle applicazioni; la gamma Infrastructure è destinata ad aziende e organizzazioni con particolari esigenze di calcolo, archiviazione e capacità di rete; infine la gamma HG è proposta da OVH per l’elaborazione dati ad alta intensità, i Big Data e le infrastrutture iperconvergenti.

Che si tratti di iniziare un percorso in cloud, supportare la crescita del proprio business o soddisfare le esigenze operative critiche, ha evidenziato l’azienda, le quattro nuove gamme di prodotti bare metal da portfolio sono state ideate al fine di consentire un ampio spettro di configurazioni che sfruttano le ultime innovazioni tecnologiche.

“All’interno di un mercato in cui le offerte cloud stanno diventando sempre più numerose e complesse, noi abbiamo scelto la semplificazione, senza però compromettere ciò che rende le soluzioni OVH diverse e allettanti, come il rapporto qualità-prezzo competitivo, un’ampia gamma di prodotti e un sistema di consegna veloce. Grazie a questo nuovo portfolio, OVH continua a sostenere una vision mirata all’offerta di un cloud smart: semplice, multi-locale, accessibile, reversibile e trasparente”, ha commentato l’annuncio Xavier Perret, Executive Vice President, Chief Digital e Marketing Officer di OVH.

Un bare metal disponibile in due minuti

Il portfolio di prodotti  si propone di far leva sulla semplicità nel suo utilizzo. Ad esempio, ha spiegato l’azienda, dal sito OVH.com, un professionista può scegliere la soluzione bare-metal più adatta alle proprie aspettative e alle esigenze della propria infrastruttura.

Va anche considerato, ha aggiunto, che tramite un controllo end-to-end della linea di produzione e ai processi automatizzati, è possibile selezionare uno o più server dedicati con un clic, ma soprattutto, di averli disponibili in soli 120 secondi.

In caso di necessità, è possibile anche aggiungere la capacità di calcolo o di storage, in modo da poter gestire una maggior quantità di dati; attraverso la vRack, che abilita l’interconnessione dei server dedicati all’interno di una singola rete privata, nonché la possibilità di associarli ad altri servizi come il Private Cloud o il Public Cloud qualora servisse gestire carichi di lavoro più intensi.

Non ultimo, ha evidenziato OVH, le nuove gamme sono gestite secondo gli standard di sicurezza conformi alla norma ISO/IEC 27001 ed è inclusa la protezione anti-DDoS.