Meno frodi nel self service con la AI

Fujitsu ha sviluppato soluzioni che tramite l’Intelligenza Artificiale riducono le frodi nel retail e altre soluzioni fruibile come servizio nel Cloud

 

L’automazione nel retail va bene, ma certe volte presenta aspetti indesiderati. Ad esempio le frodi in presenza di casse automatizzate che certe volte fanno perdere i benefici dell’automazione stessa.

Per risolvere o perlomeno contenere il problema Fujitsu ha annunciato una sua nuova soluzione che utilizza l’intelligenza artificiale (AI) proprio al fine di ridurre le frodi che avvengono alle casse self-service dei supermercati, dove le perdite ammontano solitamente a circa il doppio rispetto a quanto accade presso le casse presidiate da cassieri.

Per il suo sviluppo, ha osservato la società, Fujitsu ha collaborato con una importante catena europea di iphttps://www.reportec.it/wp-admin/admin.php?page=nssnapermercati per co-creare e collaudare la tecnologia che, ha evidenziato, rappresenta un significativo passo avanti in direzione di punti vendita privi di cassieri.

In pratica, e per ottimizzare e contenere gli investimenti da affrontare, la soluzione funziona aggiungendo delle telecamere a basso costo alle casse automatiche già esistenti e utilizzando la AI per il controllo incrociato dei prodotti passati sullo scanner in modo da aiutare a rilevare e prevenire l’uso fraudolento dei codici a barre da parte dei consumatori.

Uno studio su larga scala condotto dall’Università di Leicester ha scoperto che i retailer europei e statunitensi che ricorrono alle casse automatiche registrano un tasso di taccheggio quasi doppio rispetto ai punti vendita che continuano a usare le tradizionali casse con cassiere. Riducendo le frodi alle casse automatiche, in sostanza, la nuova tecnologia ha le potenzialità per far risparmiare ai retailer cifre cospicue di euro ogni anno.

Nel complesso, la soluzione basata su AI per la prevenzione delle frodi fa parte del portafoglio di soluzioni AI Fujitsu Zinrai, è complementare alla funzionalità delle casse automatiche esistenti ed è in grado di identificare le mancate corrispondenze senza incorrere nei costi e nella complessità conseguenti l’aggiunta di GPU (Graphical Processing Unit) a ciascuna cassa.

Detto altrimenti, osserva Fujitsu, TCO ridotto e aumento significativo del ROI.

Come funziona

Il funzionamento in sé è semplice, verrebbe da dire quasi come l’uovo di Colombo. Dopo una fase di machine learning nella quale il sistema apprende le caratteristiche visive essenziali dei vari prodotti che possono transitare per le casse, la soluzione è in grado di distinguere le differenze tra prodotti di alto prezzo e prodotti meno costosi aventi il medesimo peso, anche quando il codice a barre viene trasferito da un prodotto all’altro.

Se l’aspetto previsto di un prodotto non corrisponde a quello del codice a barre passato sullo scanner, la cassa automatica richiede un intervento manuale a scopo di controllo.

“La soluzione per la prevenzione delle frodi è una delle prime applicazioni commerciali che sono state sviluppate presso il nostro AI Center of Excellence di Parigi. Questo è un argomento particolarmente rilevante per i supermercati dal momento che le frodi compiute presso le casse self-service sono circa il doppio rispetto a quelle che avvengono presso le casse tradizionali con cassiere. Tuttavia, la nostra rivoluzionaria tecnologia riduce l’entità del problema rendendo molto difficile confondere la cassa automatica, e lo fa senza creare inconvenienti per i consumatori onesti”, ha commentato Bruno Sirletti, Vice President e Head of Retail & Hospitality di Fujitsu EMEIA.

Fujitsu prevede che le future applicazioni della AI possano creare efficienze ancora più grandi attraverso la supply chain del settore retail, facendo evolvere i codici a barre da semplici etichette di SKU (Stock Keeping Unit) per aggiungervi ulteriori informazioni dettagliate come dati logistici e date di scadenza. Estraendo e analizzando questi dati, i retailer possono aumentare l’efficienza del tracciamento delle merci ottenendo supply chain più corte ed efficaci e riducendo le perdite dovute ai prodotti scaduti.

Conteggio automatico in-store del contante e servizi Cloud

Quello del contenimento delle frodi alle casse non è l’unico fronte su cui Fujitsu è impegnata.

Per aumentare l’efficienza di un processo svolto tradizionalmente in forma manuale e che per i retailer rappresenta un costo, Fujitsu ha anche sviluppato una soluzione per il conteggio automatico del contante all’interno del punto vendita il cui obiettivo è di ridurre i margini di errore e la necessità per il personale di maneggiare il contante stesso.

In sé, la soluzione fa parte di un portfolio di soluzioni studiate per supportare la customer journey e garantire un’esperienza omnicanale trasparente nel retail mobile, online e in-store.

In pratica, i retailer sono messi in grado di migliorare l’esperienza dei loro clienti, aumentare l’efficienza e far crescere il business.

E’ peraltro un portfolio, osserva l’azienda, in cui molte delle soluzioni vengono proposte anche attraverso un modello di servizi gestiti comprensivo di installazione, amministrazione, manutenzione e supporto, con modelli del tipo pay-as-you-go e cloud as-a-service.