VAR Group sceglie il cloud di Microsoft con Nebula

Nasce una struttura dedicata allo sviluppo del business basato sul public cloud di Microsoft per creare servizi e soluzioni ad hoc per le imprese

cloud

Var Group ha annunciato la creazione di una nuova struttura dedicata allo sviluppo del business basato sul public cloud di Microsoft e sulle tecnologie Microsoft Azure.

Il nuovo team si occuperà della gestione di ambienti e piattaforme cloud, realizzando progetti che incrementano la competitività delle imprese del Made In Italy, attraverso un laboratorio dedicato che avrà l’obiettivo di far evolvere le soluzioni e portarle verso le nuove logiche del cloud a micro-servizi.

“Abbiamo scelto il cloud di Microsoft perché ci permette di coniugare IAAS, PAAS e SAAS in un’unica piattaforma evoluta e scalabile – dichiara Francesca Moriani, Amministratore Delegato di Var Group – Nebula ci permetterà di creare servizi e soluzioni ad hoc per le imprese che, solo adottando i nuovi modelli cloud, possono ottimizzare i propri processi e sfruttare l’innovazione a supporto del proprio business”

“Oggi, il cloud rappresenta un’incredibile opportunità di sviluppo per il nostro ecosistema di partner, sempre più impegnati nell’affiancare le aziende italiane pubbliche e private nel processo di trasformazione digitale, essenziale in ogni settore per fronteggiare la concorrenza e promuovere la crescita del proprio business”, ha dichiarato Fabio Santini, Direttore Divisione One Commercial Partner & Small, Medium and Corporate di Microsoft Italia. “Sono particolarmente felice di dare il benvenuto alla nuova realtà Nebula all’interno di Var Group, che ha l’importante compito di sviluppare soluzioni basate sulla nostra piattaforma Azure ed essere il punto di riferimento per il cloud all’interno del gruppo. Questa nuova struttura consentirà a Var Group di continuare a offrire alle organizzazioni la potenza e la flessibilità che solo il cloud computing può garantire per potenziare i processi, migliorare le relazioni con partner e clienti e aggiungere intelligenza artificiale a servizi e prodotti”.

Autore: