Wildix Cloud Program per un’UCC profittevole e integrata

Il centralino in cloud per un modello di business “as a service” con guadagni ricorrenti e strumenti d’innovazione

Ormai tutti parlano di “digitale”, grazie alla diffusione di strumenti, quali i dispositivi mobili, che sono in mano praticamente a chiunque. Per assurdo gli smartphone, vengono utilizzati per un numero crescente di applicazioni e funzionalità, ma sempre meno per la telefonia.

In tale contesto di trasformazione il mondo del canale ICT deve trovare nuove strade per sviluppare il proprio modello di business.

La logica del “piazzista”, che punta a rivendere hardware e software senza prima preoccuparsi di quali siano le esigenze del proprie cliente non funziona. Oggi è necessario realizzare un rapporto di partnership con i clienti. È la logica del servizio, come sempre più spesso ribadiamo sulle nostre testate.

Un approccio che Wildix ha già fatto proprio, come ci spiega Cristiano Bellumat Country Manager di Wildix Italia, sviluppando una piattaforma innovativa, basata sullo standard WebRTC, arricchita costantemente di funzionalità a valore e possibilità d’integrazione. Proprio nella logica di aggiungere valore alla telefonia.

Cristiano bellumat, country manager di Wildix

Cristiano bellumat, country manager di Wildix

Con il lancio del nuovo programma Wildix Cloud Program, la società d’origine italiana con sede a Trento fa un ulteriore passo avanti, stringendo un nuova partnership con il proprio canale e permettendo agli attori di questi ultimi di consolidare quella con i propri clienti, attraverso la vendita di centralini telefonici in Cloud.

È un modello che esiste da tempo, ma solo oggi sta prendendo piede, grazie all’avvento del cloud, che supera i limiti del centrex, aggiungendo funzionalità.

Il contratto proposto dal Wildix Cloud Program, ci illustra Bullumat: «È la prima partnership per aziende di informatica e system integrator che vogliono guadagnare vendendo centralini telefonici in Cloud modo facile, ricorrente, costante e garantito».

La garanzia è data dai risultati già ottenuti da oltre 400 partner di Wildix in Europa e Stati Uniti ed è “certificata”, da un partner italiano: «In meno di tre mesi abbiamo venduto 5, sistemi Wildix in Cloud che vanno dai 4 ai 20 interni» assicura Sandro Buzzacchi, Responsabile Tecnico/Commerciale di On System, società specializzata in progettazione, installazione, fornitura ed assistenza di sistemi di comunicazione.

Sempre Buzzacchi afferma: « Il sistema cloud di Wildix lo trovo il più versatile sul mercato. Uno dei centralini che abbiamo venduto è molto interessante, perché prevede l’integrazione con un altro software, cosa che con un altro centralino cloud non avremmo potuto realizzare». Lo specialista di On System aggiunge anche che le richieste delle imprese utenti finali sono sempre più indirizzate dalle esigenze d’integrazione con altri applicativi.

Esperienza e competenza per il Wildix Cloud Program

Posto che le potenzialità di mercato esistono, occorre saperle raccogliere e su questo Bellumat non solo concorda, ma ha anche già la soluzione sintetizzata nei due concetti cardine del Wildix Cloud Program: esperienza e competenza.

Più precisamente il country manager afferma: «Il Wildix Cloud Program non è per tutti. Non è aperto a quei system integrator che non hanno competenze nel settore IT né alle aziende di informatica che sono alla ricerca di un prodotto economico e privo di valore. Chi aderisce al Wildix Cloud Program avrà una formazione tecnica e commerciale dedicata per ottenere una serie di vantaggi unici rispetto a ciò che offre il mercato».Wildix Cloud Program

In particolare, la partnership prevede: «nessun obbligo di durata minima, nessun canone di assistenza, nessun contratto capestro, nessun costo per nuove release e un margine minimo netto del 25% sul venduto», dichiara il country manager.

La formazione è un aspetto chiave, perché consente di sfruttare completamente le funzionalità di una suite per l’ Unified Communications & Collaboration Web based.

Si tratta, sottolinea Bellumat: «di una soluzione Full IP che include un unico softphone WebRTC browser-based per chiamate audio e video. Una tecnologia supportata da standard per una comunicazione integrata fra browser, permettendo loro di comunicare scambiare audio, video e perfino file».

Bastano tre giorni di formazione per essere pronti a sviluppare le potenzialità della soluzione. Inoltre, ci spiega il country manager, le soluzioni che si possono creare sono sorprendenti. Gli stessi tecnici diventano un supporto eccellente per i commerciali, per quanto è facile illustrare le possibilità della piattaforma.

Gaetano Di Blasio ha lavorato presso alcune delle principali riviste specializzate nell’ICT. Giornalista professionista, è iscritto all’ordine dei giornalisti della Lombardia ed è coautore di rapporti, studi e Survey nel settore dell’ICT. Laureato in Ingegneria.