Raffaele Gigantino nuovo Country Manager di VMware Italia

Dopo una lunga esperienza di sfide nel mondo IT, Raffaele Gigantino alla guida di VMware verso le importanti prospettive di crescita del mercato digitale italiano

Dal 2 Luglio Raffaele Gigantino è il nuovo Country manager per l’Italia di VMware, ruolo precedentemente ricoperto da Alberto Bullani, il quale, dopo 13 anni di importanti successi e aver portato la filiale italiana da 2 a oltre 120 dipendenti, viene promosso a Senior Director VMware vSAN e HCI per la Regione SEMEA.

Una responsabilità importante, come evidenzia lo stesso Raffaele Gigantino, che è quella di dare continuità e accelerazione alla crescita di VMware in un mercato molto importante come quello italiano.

Una crescita che passerà attraverso i due pilastri fondamentali dei clienti, chiaramente al centro della strategia, e dell’ecosistema di partner che dovranno aiutare l’azienda a promuovere e rendere fruibili presso gli utenti finali le soluzioni VMware.

Raffaele-Gigantino, Country Manager VMware Italia

Raffaele-Gigantino, Country Manager VMware Italia

La sfida è ambiziosa. Partirà dall’interno, puntando sulle persone e sullo spirito di squadra, che in VMware è già molto forte, sulla capacità di attrarre talenti e svilupparne di nuovi per arrivare a disporre delle competenze oggi richieste da un mercato in costante evoluzione.

Questo lavoro interno andrà di pari passo con il rafforzamento della strategia di collaborazione con i System Integrator e l’ecosistema dei Partner.

Una collaborazione che sarà finalizzata ad accelerare la crescita nelle aree strategiche in cui VMware sviluppa il proprio portafoglio di soluzioni, che sono principalmente le componenti di modernizzazione dei Datacenter , l’Iperconvergenza , l’approccio al Cloud, sia pubblico, privato o ibrido, la sicurezza delle applicazioni e per finire il Digital Workspace, che è il nuovo modo di lavorare in mobilità.

Il momento è propizio alle sfide. Il processo di trasformazione digitale in atto è molto profondo e sta interessando, più che le tecnologie, i modelli organizzativi delle aziende che devono rispondere in modo sempre più efficiente e veloce alle esigenze dei consumatori finali.

Gli indicatori del mercato sono confortanti. Secondo Assinform nel 2017 il mercato digitale italiano è cresciuto del 2,20 % raggiungendo un fatturato complessivo di 68 miliardi, ed è prevista una ulteriore crescita anno su anno nei prossimi tre anni e rispettivamente del 2,6%, 2,8%, fino al 3,1% nel 2020.

Per quanto riguarda il mercato più vicino a VMware di software e soluzioni ICT c’è stata una crescita del 5,9% raggiungendo un business complessivo di 6,6 miliardi, mentre

per la parte più innovativa, il mercato Cloud italiano è cresciuto di circa il 18%, trainato dai settori manifatturiero, banche, service e media, per un valore di circa 2 miliardi.

«In uno scenario di crescita così importante», conclude Raffaele Gigantino, «un’azienda come VMware , che ha una caratteristica distintiva di portare soluzioni innovative sul mercato, ha delle ottime chance di avere successo e continuare a crescere.

La mia sfida è di riuscire a rispondere alle esigenze del mercato con una squadra che sia capace di affrontare in modo veloce le esigenze dei clienti e con un ecosistema di partner che sia capace di mettere in esercizio le soluzioni VMware».

 

 

Autore: