Automium, un servizio SaaS che abilita la cloud transformation

Il software di Continuous Deployment di Enter gestisce l’automazione dell’infrastruttura cloud e del deployment applicativo. Semplificata la gestione delle applicazioni

 

Le architetture a microservizi sono di fatto lo standard per le applicazioni cloud native. Lo stile architetturale a microservizi è un approccio allo sviluppo di una singola applicazione come insieme di piccoli servizi, ciascuno dei quali viene eseguito da un proprio processo e comunica con un meccanismo snello, spesso una HTTP API.

Le parole chiave di questo paradigma sono automazione, API, microservizi e sistemi distribuiti.

Automium, ha spiegato Mariano Cunietti, CTO di Enter, è stato ideato proprio con l’obiettivo di semplificare lo scenario complesso della gestione delle applicazioni e permettere alle aziende di intraprendere la cloud transformation con semplicità lasciando che sia Automium a gestire le complessità.

Un servizio della Enter Cloud Suite

Si tratta, in particolare, di un servizio che fa parte di Enter Cloud Suite, un insieme di tecnologie open source che presiedono a tutta la filiera (dalla gestione del codice sorgente fino alla produzione), e che consente di fare DevOps fin da subito, fornendo gli strumenti per costruire la propria pipeline di continuous deployment.

È anche una piattaforma di automazione che consente di creare e gestire la propria infrastruttura cloud, e fruirne con facilità sin dal primo momento.

In sostanza, può essere visto come un collante che rende accessibili le tecnologie open source di uso più diffuso e consolidato, come Terraform, Ansible, Docker, Kubernetes, Consul, Vault, Golang.

«Vogliamo portare gli utenti a fare un passo avanti nella gestione delle loro applicazioni, lasciando a loro il controllo sul design e sulle funzionalità, ma lasciando a noi l’implementazione delle architetture sottostanti. Per fare un paragone, chi compra un drone oggi vuole usarlo per riprendere la propria gita in montagna con un clic, non vuole passare ore a capire come montarlo o come farlo volare. Vuole spendere il proprio tempo in maniera più soddisfacente. A ognuno il proprio business value: al cliente l’applicazione, a noi l’infrastruttura, con una linea di demarcazione precisa. Noi nascondiamo e riduciamo la complessità, pur senza limitare la libertà».».

Pensare solo all’applicazione

L’aspetto chiave della soluzione è che non serve più fare tutto a mano. Sia che si stia costruendo la propria nuova infrastruttura cloud o riprogettando quella esistente in ottica cloud, osserva Cunietti, Automium mette a disposizione i “mattoni” che servono, e permette di partire dal punto in cui ci si trova: si disegna quello che serve e sarà poi Automium ad automatizzare la costruzione e il deployment della infrastruttura direttamente su Enter Cloud Suite, la piattaforma cloud europea multi-region basata su OpenStack di Enter.

In linea con il concetto di “cloud portability” Automium è multi-cloud, e in quanto tale può funzionare anche su VMWare, AWS, GCP, Azure ed altri cloud, una apertura che evita il rischio di un lock-in su un fornitore se si dovesse cambiare strategia.