La biometria per accedere ai conti: con la voce, impronta digitale o scansione dell’iride, le banche del futuro potranno offrire servizi in tutta sicurezza

 

L’efficiente gestione della sicurezza informatica, insieme alla prevenzione e al contrasto di frodi, rappresentano asset strategici per l’evoluzione di ogni business, in particolare per i servizi bancari. L’intelligenza artificiale sta giocando un ruolo chiave e sono sempre di più le banche che decidono di adottare soluzioni di autenticazione biometrica intelligenti e di facile gestione per assicurare all’utente maggiori livelli di sicurezza, oltre a semplificare e digitalizzare la customer experience, migliorandone contestualmente il livello di soddisfazione.

Secondo un recente report di ABI Research il mercato della biometria supererà i 30 miliardi entro il 2021, registrando una crescita del 118% rispetto al 2015, con le aziende bancarie e finanziarie schiearte in prima linea.

A questo proposito, Nuance Communications – società che sviluppa di soluzioni vocali e cognitive basate su AI – si è proposta di supportare le banche nell’introduzione di tecnologie per l’autenticazione biometrica in sostituzione ai più tradizionali codici, sottolineando come la tecnologia cambierà – e sta già cambiando – il futuro ormai molto prossimo dei servizi bancari 4.0.

Lo confermano le esperienze di diverse banche nel mondo – tra cui Widiba in Italia – che già adottano soluzioni di autenticazione di Nuance.

Nello specifico, Widiba ha adottato Vocal Password, una soluzione di Nuance che consente agli utenti un’autenticazione sicura e multi-device. Dopo un’unica iscrizione valida per smartphone, PC o IVR, i clienti Widiba possono accedere al proprio account tramite l’utilizzo della voce, indipendentemente dal dispositivo autorizzato utilizzato. Vocal Password è stata inizialmente predisposta per un gruppo selezionato di utenti e, dopo aver superato una prima fase di prova e la successiva apertura all’intera customer base, Widiba è ora pronta a offrire la soluzione a un numero crescente di utenti nonché ad utilizzarla anche per abilitare i pagamenti.

«Siamo estremamente orgogliosi che in Italia, la banca Widiba abbia scelto la nostra soluzione Vocal Password in quanto in grado di offrire ai propri utenti un accesso all’account online sicuro, oltre alla semplicità di utilizzare la voce come unica modalità di autenticazione – indipendentemente dal canale e dal device utilizzato – eliminando la necessità di ricorrere a molteplici PIN e password e migliorando, al contempo, il livello di customer satisfaction.», ha commentato Saverio Ricchiuto, Sales Director Enterprise Italia di Nuance.