Security & Business n.41

Le minacce nello speciale che illustra le strategie per la resilienza, una nuova rubrica e le nuove soluzioni

Su questo numero di Security & Business ospitiamo una nuova rubrica sulla sicurezza digitale, che mensilmente ci aprirà le porte dell’AIPSI (Associazione Italiana Professionisti della Sicurezza Informatica), capitolo italiano della prestigiosa associazione internazionale ISSA.

In Cyber attack, la rubrica che si “preoccupa” delle minacce, presentiamo i dati di una ricerca di Check Point Software Technologogy , che evidenzia i timori e gli accorgimenti dei professionisti IT legati ai processi di migrazione dei dati nel cloud.

Sempre nella stessa rubrica, F5 pone l’accento sulle minacce alle applicazioni.Security e Business n.41

Centrale come sempre lo speciale, che su questo numero è dedicato alle minacce, malware principalmente. Intitolato Threat prevention, intelligence e resilienza, lo speciale illustra le tendenze e le strategie per aumentare la sicurezza dei dati aziendali.

In particolare da Kaspersky Lab forniscono indicazioni sulla protezione dal ramsonware, ma non solo.

Importante non focalizzarsi  solo sulla protezione, con il punto di vista del “soldato” che sul fronte protegge la patria, perché è tempo di capire che le minacce informatiche non costituiscono un problema tecnico, bensì un rischio economico. Questo deve essere gestito nell’ambito della governance aziendale. Un passaggio epocale reso maturo dal ramsonware.

Da Cryptoloker in poi, gli imprenditori hanno violentemente compreso che la violazione del sistema informatico ha un impatto economico diretto sull’azienda. Come ci ha recentemente evidenziato Rik Ferguson, vice President Security Research di Trend Micro, il ramsomware ha avuto e avrà ancora per molto successo perché mette in relazione il cyber criminale e la vittima senza intermediari, rendendo semplice al criminale la monetizzazione, al contrario, per esempio, di una frode economica che richiede una forma di riciclaggio del denaro.

Chiudono il numero le soluzioni. In particolare quelle Arcsight di HPE Security per una security intelligence alla massima velocità e quelle di Positive Technologies per la protezione dei sistemi SCADA. Augurando a tutti buona lettura e ricordando che su questi temi è disponibile una monografia sulla sicurezza.

Gaetano Di Blasio ha lavorato presso alcune delle principali riviste specializzate nell’ICT. Giornalista professionista, è iscritto all’ordine dei giornalisti della Lombardia ed è coautore di rapporti, studi e Survey nel settore dell’ICT. Laureato in Ingegneria.