Sempre più Cloud per il Business e il Canale

Si espande l’offerta da parte dei produttori IT di soluzioni, infrastrutture e servizi di Cloud ibrido per le aziende e il canale

Le scelte strategiche dei produttori di tecnologie IT stanno sempre più spostandosi verso il canale. Questo è vero in generale e lo è ancor più per il Cloud, che viene visto dai produttori e proposto ai propri partner, come modo per perseguire allo stesso tempo più obiettivi.

Un primo obiettivo è quello di assicurare loro maggiori margini nel campo dei servizi   laddove invece quelli basati sulla classica fornitura di hardware latitano sempre più.

Un secondo obiettivo è però quello di rispondere alle esigenze delle aziende, che nel cloud vedono un modo per distribuire diversamente gli investimenti,  dare priorità al core business e esternalizzare la complessità intrinseca nell’IT di ultima generazione e ancor più quella in divenire, soprattutto quando si tratta di infrastrutture a forte virtualizzazione o software defined che dir si voglia.

Sta in questo la forte crescita di società  di ingegneria o di servizi che, come canale, stanno progressivamente offrendo servizi Cloud ai propri clienti, anche se devono essere strutturati e organizzati per far fronte alle realtà nazionali in termini di disponibilità di banda,  distribuzione o concentrazione sul territorio di aziende o bacini industriali che ci si propone di servire.

Se in questo nei grandi bacini urbani e industriali, come Milano, Roma e altri principali capoluoghi, il problema della connettività atta a garantire un servizio sostanzialmente trasparente, e cioè a banda larga e larghissima, e con prestazioni adeguate alla esternalizzazione dell’IT, è poco sentito,  diverso è il caso dei centri periferici, dove ad esempio servizi di storage e ancor più quelli di backuo e restore o di disaster recovery, devono tener conto dei tempi di ripristino stante le limitate capacità di connessioni xdsl, laddove non giunga la fibra,  e quindi essere articolati  su diversi piani, sia locale che  remoto, con apparati in house e siti di backup di secondo o terzo livello posizionati nel cloud.

Continua